Facebook con la telepatia? Zuckerberg ci crede!

Il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg ha recentemente delineato quello che potrebbe essere il futuro della piattaforma di social media più importante al mondo.

Dopo aver recentemente acquisito Oculus VR l’azienda che sta sviluppango la produzione del visore per la realtà virtuale Oculus Rift, Facebook ha ulteriormente aumentato i suoi investimenti in tecnologia tanto che rischia di trasformare il panorama del divertimento come lo conosciamo in una forma completamente nuova.

Alla domanda sul futuro della società nel corso di una conferenza Mark Zuckerberg ha affermato che nel lungo termine il modo in cui le persone potranno comunicare attraverso i social media è destinato a cambiare in modo radicale.

Di particolare interesse è stata la sua idea sul futuro in cui le persone saranno in grado di trasferire ricordi ed esperienze tra loro direttamente utilizzando le connesioni del cervello. Ha infatti affermato che: “Un giorno, credo che saremo in grado di trasmettere i pensieri utilizzando la tecnologia” e continua dicendo che
“ognuno deve solo essere in grado di pensare a qualcosa ed i vostri amici saranno immediatamente in grado di sentire le vostre emozioni. Questa sarebbe la tecnologia di comunicazione definitiva. Eravamo abituati a condividere solo testo mentre adesso possiamo postare foto. Nel futuro i video saranno ancora più importante delle foto. Dopo di che avremo il potere di condividere la nostra esperienza sensoriale ed emozionale”.

Secondo Mark Zuckerberg gli utenti di Facebook saranno pronti a trasmettere direttamente i loro pensieri più intimi e le esperienze per il cervello di un’altra persona su Internet.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBrabus Mercedes AMG GT S
Prossimo articoloIl ritorno della banana

Deanetwork è un magazine online con notizie ogni giorno dall’Italia e dal Mondo. Il nostro sito contiene articoli originali e di qualità, pubblicati da autori esperti e giovani scrittori.
Tutti gli articoli sono distribuiti in CopyLeft, ovvero possono essere ricopiati e distribuiti liberamente, purché si rispettino le norme previste dai Termini di servizio.