I paesi con le banche più sicure

paesi con le banche più sicure

La rivista World Economic Forum, ha da poco pubblicato un sondaggio realizzato tra la gente, per capire quali sono i paesi con le banche più sicure.

Voce ai cittadini

Diversamente dalle solite elaborazioni grafiche complesse e di difficile lettura, questa valutazione tiene conto di un aspetto diverso da quelli usati solitamente: la reale percezione della popolazione.

Tale sondaggio ha evidenziato che gli abitanti del Regno Unito e degli Stati Uniti non si fidano affatto dei loro sistemi bancari. Addirittura gli Stati Uniti si piazzano al 49° posto dietro a nazioni come Honduras e Perù. Qui la voce è stata della gente, non dei mass media manipolati dalle lobby finanziarie!

Paesi con le banche più sicure al mondo

  1. Svizzera – Le recenti manovre economiche del governo elvetico hanno scosso l’opinione pubblica svizzera. Prima conseguenza è stata la perdita di fiducia nelle banche. Ciononostante la Svizzera resta ancora tra i primi paesi al mondo in cui i cittadini si sentono al sicuro.

  2. Slovacchia – Governato da persone attente e capaci, la Slovacchia si è affermata come solida nazione nel cuore d’Europa. Anche se il 90% delle banche è in mano a stranieri, le rigide norme del paese rendono i suoi cittadini sicuri dei loro soldi depositati in banca.

  3. Israele – Il sistema bancario israeliano è saldamente sotto controllo dello stato. Per questo motivo le banche non possono essere indotte in speculazioni finanziarie capaci di portare i correntisti al baratro. La sicurezza nel sistema bancario è pertanto molto alta.

  4. Lussemburgo – Il piccolo paese europeo, sede di moltissime holding e gruppi finanziari, non ha nulla da temere sul suo sistema bancario. I conti sono in ordine e i surplus rendono i cittadini sicuri.

  5. Cile – In seguito alla crisi bancaria degli anni ’80 e ’90 il Cile ha modificato le leggi ed i regolamenti delle banche che adesso sono sotto un ferreo controllo. Grazie a questo il Cile si è trasformato in un paese con il settore finanziario tra i migliori al mondo.

  6. Norvegia – Anche la Norvegia si è svegliata in seguito ad una crisi bancaria, quella del 1991 che ha visto due dei suoi grandi quattro istituti di credito fallire. In seguito nuove norme hanno reso il paese tra i più sicuri al mondo e i suoi cittadini possono stare tranquilli.

  7. Finlandia – La Finlandia non ha grandi gruppi bancari ma solo cooperative e casse di risparmio. Queste per statuto non possono fare operazioni ad alto rischio quindi sono fuori dai problemi in cui si sono ritrovate le banche, e di conseguenza i risparmiatori di mezzo mondo.

Le prime della classe

  1. Australia – Nel grande paese australiano il sistema bancario si regge su quattro grandi istituti che danno stabilità e sicurezza. Inoltre le norme sulle speculazioni finanziarie sono molto rigide per cui i cittadini non hanno nulla da temere per i loro risparmi.

  2. Nuova Zelanda – Al secondo si trova la Nuova Zelanda, che come la vicina Australia, è dominato da un gruppo di cinque operatori finanziari. A causa della poca concorrenza e lontani dagli influssi negativi delle speculazioni tipiche delle banche di Europa e USA hanno un altissimo grado di stabilità e sicurezza.

  3. Canada – Quando si pensa alla stabilità si pensa al Canada, capace durante la Grande Depressione del 1930 di non entrare nel panico e rimanere stabile. La nazione nordamericana è senza dubbio la migliore nazione dove tenere i propri risparmi, ed i cittadini Canadesi lo sanno bene!

Questi sono i paesi con le banche più sicure al mondo, lo dicono i cittadini, non la televisione!

CONDIVIDI
Articolo precedenteViaggio in Canada, dove andare in vacanza
Prossimo articoloOfferte lavoro Cagliari, annunci per trovare lavoro
Deanetwork è un magazine online con notizie ogni giorno dall'Italia e dal Mondo. Il nostro sito contiene articoli originali e di qualità, pubblicati da autori esperti e giovani scrittori. Tutti gli articoli sono distribuiti in CopyLeft, ovvero possono essere ricopiati e distribuiti liberamente, purché si rispettino le norme previste dai Termini di servizio.

Lascia la tua opinione