Parole con l’accento! Ecco regole e parole con l’accento finale

parole con l'accento

Dopo che diversi utenti ci hanno chiesto di spiegare quali sono le parole con l’accento finale e quale sia la regola da usare, abbiamo preparato questa brevissima ma semplice guida.

Parole con l’accento

Prima di tutto chiariamo cos’è: l’accento è quel segno che viene messo sulle cinque vocali. Nella lingua italiana però non esiste un solo tipo di accento ma due: gli accenti grafici e quelli fonici.

L’accento fonico viene messo durante la pronuncia delle parole mentre quello grafico durante la scrittura.

  • Per capire basta pensare alle vocali normali: a, e, i, o, u.
  • Una volta con l’accento diventano: à, è, ì, ò, ù.

Tutte le vocali hanno un solo accento, tranne la vocale e che ha due tipi di accento.

L’accento acuto è quello che va dall’alto verso il basso in direzione sinistra: è

Ecco alcuni esempi: caffè, tè, cioè, ahimè, è, portò, però, università, Mosè, Noè

L’accento grave è quello che va dall’alto verso il basso in direzione destra: è

Ecco alcuni esempi: perché, poiché, giacché, mercé, né, sé, scimpanzé

Tra i due tipi quello più usato è l’accento grave.

Quando si mette l’accento?

  1. Ogni volta che l’accento cade sull’ultima sillaba.
  2. Nelle parole monosillabe se il significato di queste cambia a seconda dell’accento
  3. Nelle parole polisillabe se l’accento aiuta ad evitare confusione nel significato

e o è? Spiegazione di quale si usa

La vocale е può essere accentata sia con l’accento acuto che con quello grave.

È con l’accento grave viene utilizzato:

  • se abbiamo il verbo essere nella terza persona singolare: è (Lui)
  • in caso di nomi: Noè, Mosè, Giosuè
  • nelle parole: cioè, ohimè, ahimè
  • quando viene usato in parole di origine straniera: caffè, tè, narghilè

É con l’accento acuto viene utilizzato:

  • quando usiamo il passato remoto: poté, ripeté
  • nelle parole composte nelle quali si trova il “ché”: affinché, benché, perché
  • in quelle nelle quali si trova il “tre”: ventitré, trentatré, ottantatré
  • infine nelle parole composte nelle quali si trova il “re”: viceré

Queste sono le regole base per conoscere le parole con l’accento! Anche se inizialmente si potrebbe fare confusione, una volta capito dove usare l’accento giusto tutto diventa facile.

Lascia la tua opinione